ENTRYWAYS OF MILAN – INGRESSI DI MILANO

Karl Kolbitz, Fabrizio Ballabio, Daniel Sherer, Lisa Hockemeyer, Matthew Billings, Delfino Sisto Legnani, Paola Pansini

ENTRYWAYS OF MILAN – INGRESSI DI MILANO
Editori: TASCHEN
Codice Prodotto: 9783836564182
Disponibilità: Immediata
Prezzo: 49,99€
ENTRYWAYS OF MILAN – INGRESSI DI MILANO ENTRYWAYS OF MILAN – INGRESSI DI MILANO ENTRYWAYS OF MILAN – INGRESSI DI MILANO ENTRYWAYS OF MILAN – INGRESSI DI MILANO ENTRYWAYS OF MILAN – INGRESSI DI MILANO ENTRYWAYS OF MILAN – INGRESSI DI MILANO

Come fare bella figura
Gli ingressi maestosi e modernisti di Milano

La prima impressione è quella che conta, specialmente in una città come Milano. E in un edificio la prima impressione, dopo la facciata, è data da ciò che vediamo una volta che ne varchiamo la soglia: l’ingresso. Cosa si celerà dietro al severo portone in legno? Quali vite si intrecciano dietro la vetrata da cui scorgiamo solo ombre sfuggenti?
Poche convenzioni architettoniche sono così onnipresenti, e quindi così date per scontate, come la soglia. Non c’è dubbio che questi luoghi di mediazione per eccellenza si siano sviluppati in modo unico in Italia, e in nessuna città italiana mostrano una complessità formale, un’articolazione funzionale e un’elaborazione spaziale come a Milano, una città in cui il Novecento si è sviluppato con leggerezza ed eleganza.
Emblema di raffinatezza, di comfort e di decoro, spazio liminale di carattere scenico in cui si incontrano architettura, arte e design, questi ambienti sono un tripudio di ceramiche e marmi lucenti, tappeti rossi, eleganti bassorilievi, corrimano sinuosi, misteriose portinerie, vasti mosaici, maestose piante in vaso e cassette delle lettere simili a scrigni preziosi.
In questo tour fotografico senza precedenti, il curatore Karl Kolbitz varca la soglia di 144 tra i più suntuosi ingressi della città, che incantano per la loro varietà e il loro splendore novecentesco. Rimasti celati fino a oggi dietro facciate spesso austere, si rivelano magnifici esempi di modernismo italiano che mettono in comunicazione lo spazio pubblico e quello privato tramite composizioni dinamiche di forme e colori.
Il volume comprende edifici costruiti tra il 1920 e il 1970 e presenta le opere di alcuni tra i più celebri architetti e designer milanesi, tra cui Giovanni Muzio, Piero Portaluppi e Luigi Caccia Dominioni, oltre a spazi dal pedigree meno altisonante ma non per questo di minore impatto e interesse. Le immagini appositamente commissionate a Delfino Sisto Legnani, Paola Pansini e Matthew Billings catturano l’atmosfera degli ambienti con una sensibilità personale e uno stile in cui i singoli dettagli interagiscono con spazi architettonici più ampi.
I preziosi contributi editoriali di Penny Sparke, Fabrizio Ballabio, Lisa Hockemeyer, Daniel Sherer, Brian Kish e Grazia Signori guidano il lettore alla scoperta dei materiali e degli impianti utilizzati, nonché delle implicazioni storico-artistiche e sociali proprie di ogni ingresso. Per ogni ambiente presentato, il libro, a metà strada tra la guida architettonica alla città e il saggio di estetica, fornisce nome dell’architetto, data di costruzione e indirizzo preciso, e una mappa annotata di Milano ci permette di verificarne l’ubicazione complessiva in città.

Il curatore:
Karl Kolbitz
è curatore artistico e vive a Berlino. Crescendo nella capitale tedesca riunificata, si è interessato sempre più all’architettura e a come l’ambiente costruito influenzi le nostre vite. Ha collaborato per molti anni con Mario Testino e Wolfgang Tillmans prima di fondare un proprio studio creativo che si concentra sullo sviluppo e il design delle pubblicazioni dedicate all’arte e all’architettura.
Gli autori:
Fabrizio Ballabio
è architetto, scrittore e docente di Storia e Studi teorici presso l’Architectural Association (AA) e il Royal College of Art (RCA). Inoltre, è uno dei membri fondatori del collettivo artistico åyr.
Daniel Sherer insegna Storia e Teoria dell’architettura alla Columbia GSAPP e alla Yale School of Architecture. I suoi studi si concentrano sulla ricezione moderna dell’architettura umanistica e sul modernismo italiano. Il Professor Sherer ha pubblicato numerosi articoli su riviste europee e statunitensi, tra cui Artforum, Domus, Log, Perspecta e Journal of Architecture.
Lisa Hockemeyer è docente di Storia e Critica del design al Politecnico e all’Istituto Marangoni di Milano. Si occupa di design, industria, arte e ceramiche in Italia nel Novecento. È un’autrice prolifica e ha curato diverse esposizioni in Italia e nel Regno Unito. È Visiting Research Fellow presso la Kingston University.
Penny Sparke insegna Storia del design ed è direttrice del Modern Interiors Research Centre alla Kingston University. Tra le tante attività dedicate alla storia del design, ha tenuto corsi, curato mostre, è intervenuta in trasmissioni radiofoniche e ha pubblicato diverse opere, tra cui An Introduction to Design and Culture, 1900 to the Present e Design in Context. È Honorary Senior Fellow del Royal College of Art.
Grazia Signori ha iniziato a occuparsi del settore delle pietre da taglio nel 2001. I suoi studi si concentrano sulla composizione petrografica e sulle proprietà tecniche delle rocce naturali. È stata invitata a tenere corsi in numerosi atenei, tra cui il Politecnico di Milano e il Dipartimento di Scienze della Terra dell’Università di Milano, e collabora regolarmente con diverse riviste italiane.
Brian Kish è storico dell’arte e curatore nel settore del design italiano del XX secolo. Esperto di Ico e Luisa Parisi, Gio Ponti, BBPR, Carlo Mollino e Carlo Scarpa, ha organizzato la prima esposizione dedicata a Gio Ponti negli Stati Uniti.
I fotografi:
Delfino Sisto Legnani
vive e lavora a Milano. Le sue fotografie sono state pubblicate su numerose riviste internazionali e ospitate al Victoria and Albert Museum, Londra, alla Triennale di Milano e alla Biennale di Architettura di Venezia (nel 2012 e nel 2014).
Matthew Billings è un fotografo e video artist che vive a Berlino. Le sue opere studiano l’interazione tra immagine fissa e in movimento e i cambiamenti formali introdotti dall’evoluzione tecnologica. Ha pubblicato su diverse riviste, tra cui Basso, Butt e Paper.
Paola Pansini vive e lavora a Milano. Il suo lavoro di fotografa si concentra sulla natura morta e gli interni; ha collaborato con numerose case di moda, riviste internazionali e studi di architettura, tra cui Armani, Prada, Valentino, Wallpaper*, Esquire e David Chipperfield Architects.

#fotografia #logosedizioni

Dati Libro
Argomento fotografia
Autore Karl Kolbitz, Fabrizio Ballabio, Daniel Sherer, Lisa Hockemeyer, Matthew Billings, Delfino Sisto Legnani, Paola Pansini
Collana FO
Anno di pubblicazione 2017
Copertina Cartonato
Dimensioni cm 26,0 x 34,0
Pagine 384
Lingua/e italiano, inglese
Peso 3.4 kg
Titolo Testata Data
Ingressi di Milano lofficielitalia.com www 14-03-2017
A Milano anche gli ingressi sono di design Io Donna - Il Corriere della Sera PDF 25-03-2017
Milano a porte aperte D Casa - La Repubblica PDF 01-04-2017
Il fascino discreto degli androni Il Corriere della Sera - ed. Milano PDF 02-04-2017
Sulla soglia è la grande bellezza Domenica - Il Sole 24 Ore PDF 02-04-2017
Milano porta a porta Living - Il corriere della serra PDF 04-04-2017
Sturm und strano negli androni di Milano 24ilmagazine.ilsole24ore.com www 04-04-2017
Gli ingressi, le scale: quell'estetica che rende scenografica Milano Design - Il Corriere della sera PDF 04-04-2017
Ingresso libero Vogue PDF 04-04-2017
Gli ingressi di Milano raccontati in un libro IconDesign.it www 12-04-2017
Gli ingressi di Milano Exibart.com www 09-05-2017
La bellezza di Milano? Aprite quel portone Il Venerdì - La Repubblica PDF 12-05-2017
Apriti sesamo La Repubblica - ed. Milano PDF 02-06-2017
Entryways of Milan With Style PDF 07-06-2017
I segreti di Milano L'Officiel Hommes PDF 03-07-2017
E' bello entrare in casa a Milano Antiquariato PDF 03-07-2017
Benvenuti a palazzo Il Giornale PDF 09-07-2017
INTER LOGOS S.R.L. - via Curtatona 5/2 - 41126 Modena - Italia - commerciale@logos.info - tel. 059/412648
P.IVA e C.F. 02394080366 - REA Modena No. 298980 - C.S. 110.400 Euro